L’irrigazione

La nostra attività principale è fornire servizio irriguo alle aziende associate

Grazie alla pendenza naturale del territorio e alla natura del sottosuolo, è possibile praticare un tipo di irrigazione che utilizza i metodi dello scorrimento e della sommersione.

La sommersione dei terreni avviene da monte verso valle, la riattivazione dei canali ha inizio a partire dall’ultima settimana di marzo e si conclude nel mese di settembre con la loro disattivazione.

Nel mese di maggio, tutta la rete irrigua può considerarsi a “regime”.

Questa tecnica irrigua consenta il cosiddetto riutilizzo dell’ acqua poiché per via superficiale, le “colature” provenienti dai terreni irrigati percolano nei fossi detti “colatori” nei quali, si creano delle riserve d’acqua  sufficienti a garantire nuove utilizzi.

Per via sotterranea, attraverso la percolazione che dai terreni irrigati e dai fossi giunge nel sottosuolo andando ad alimentare la falda freatica, per poi riaffiorare in modo naturale nei fontanili e risorgive  ed essere nuovamente utilizzata per l’irrigazione;

L’acqua viene derivata dai fiumi Dora Baltea Sesia e Po per essere immessa in un fitto ed articolato insieme di corsi d’acqua costituito da roggie e canali.